Vigo di Fassa - Dolomiti -Trentino
Vigo di Fassa - Dolomiti -Trentino
Vigo di Fassa - Dolomiti -Trentino
 

Richiesta preventivo

Nominativo:
 
*
E-mail:
 
*
Telefono:
Arrivo:
    Calendario 
*
Partenza:
    Calendario 
*

Sistemazione:
 
*
Da Tita il 25/02/2016

Buona giornata a tutti.  E ancora una volta,  mi metto seduto, e ritorno indietro un po' nel tempo.  Non lo faccio perché ho nostalgia di quando ero piccolo e mi spaventavo quando soffiava forte il vento. 

Ritorno solo un po' , giusto per pensare che ogni giorno è qualcosa di magico, che mi dà il tempo, per vivere, per lavorare, ridere, e amare con tutta la forza questa vita meravigliosa.  Basta solo fermarsi un po', e posare gli occhi, sugli alberi che adornano la ns valle.  Puoi vedere la vita, nella natura, amare quegli alberi che ci salutano ogni giorno. Sembrano che dormano,  forse riposano, ma danno lo stesso il loro appoggio, per le ali di chi desidera riposare un pochino.   Meravigliosa questa vita, che ti dà sempre una nuova chanche, per cercare di mettere a fuoco i tuoi desideri, e che ti circonda  con l 'alito dell' amore.  Allora puoi ancora camminare, prendere con te qualcosa, e iniziare un sentiero,  forse lo conosci già, ma sicuramente ogni volta sarà un po' diverso. E questo lo scoprirai solo dopo che avrai iniziato ad aprire le orecchie, e gli occhi. 

Da Tita il 27/05/2015

Ho ancora voglia di provare, di cercare , di capire. Ho ancora voglia di faticare, di sudare, di salire su qualche pendio, per poi vedere cosa posso vedere e scoprire. Mi piace,  quando incomincio una cosa, poi magari non la finisco, e  forse devo arrendermi, allora capisco che sono solo, anche se insieme a me, c’è pure il mio cane.  Allora penso sia giusto cosi’, sono solo un uomo, che a volte ha paura di soffrire troppo, forse magari di morire. Ma un’ altro giorno, forse riuscirò a vincere la paura, e di riuscire a vedere il sole dietro pure le nuvole, e quindi posso ancora sperare, e allenarmi. 

E allora vai, prendi il tuo tempo, e portati all' inizio del sentiero, Un sentiero che ti porterà dove il cielo e il vento si mescolano, e dove le montagne suonano una dolce musica per i vagabondi delle montagne. E cosi' anche se conosci ormai ogni albero che incontri, non chiudere mai gli occhi, perchè ogni volta c' è qualcosa che ti sorprenderà. E quindi raggiunto che ho la baita del Barba, scopro che c'è lui in persona. La nostalgia mi ha preso il cuore. La baita è in mezzo a un pascolo, circondato da ogni lato da montagne fantastiche. Quindi dopo esserci salutati, e ricordati chi eravamo e chi siamo, mi ha offerto una buonissima grappa di genziana. Grazie caro Barba, e a presto.
Da Tita il 08/04/2015
Un buon giorno a tutti.  Il 6 aprile 2015  sono salito con gli sci, partendo dal Ristorante Soldanella a Pozza di Fassa,  e dopo aver raggiunto Malga Crocifisso, ho preso il sentiero, che porta a Malga Monzoni.  Una bel pomeriggio, con clima invernale, con un sottofondo ventoso, che faceva solletico agli alberi, e al mio musetto.  Salendo, salendo, si faceva strada l' idea di provare a salire al rifugio Vallacia,  e poi da li', la voglia di provarci, a salire sulla forcella Costela, e raggiungere la cima Vallacia. Perché erano trascorsi 30 anni, da quel 7 giugno 1985, che ero riuscito a raggiungere quella croce di legno, che stava su per miracolo.  Non dico che sono pochi 30 anni, effettivamente  si sono fatti sentire, e anche se ora ho 55 anni, ancora non ho capito, cosa devo fare della mia vita.  Se continuare a sognare, o provare a giocare sul serio.  Cosi' anche se con un po' di paura, e solo senza un cane vicino, ho provato a salire quella forcella,  ogni tanto il sole mi faceva vedere le tracce di chi aveva segnato la via giusta per raggiungere la meta.  In mezzo a tutta quella neve, a quelle montagne scure come la notte, mi sono sentito piccolo come un cucciolo, e il cuore batteva forte, e pregavo il mio angelo custode.  La paura di morire era insieme a me, ma questo è normale, perché prima o poi bisogna anche morire. E morire in mezzo a tutta quella neve, sarebbe come essere già in paradiso. Il confine era passato, il vento che soffiava la neve in faccia, mi hanno fatto capire che la cima era vicina, e potevo pure fare  delle foto a quei luoghi che mi  faranno compagnia nei miei pensieri. Erano trascorsi 30 anni, e io ero ancora li', a guardare quella croce, a sentire il vento che urlava il suo dolore per il mondo.  Lassu' dove la neve, il vento, la natura sono in pace con Dio e il mondo, ho capito che 30 anni sono tanti e nulla, e tante cose possono anche non significare nulla. 
Da Tita il 10/12/2014

Ci siamo, non siamo scappati,  forse avevamo dimenticato di ricordare.  Ma non possiamo sempre ricordare, dobbiamo cercare di andare avanti.  Ma avanti dove?

Possiamo cercare di camminare piano piano, respirare il vento del bosco, e cercare di scoprire il mistero della vita .   

La vita che inizia già al mattino presto, e capisci che non sarà facile.  Dovrai per forza aprire gli occhi, alzarti, e pieno ancora di sonno, dai uno sguardo dalla finestra,  e vedi che fuor è tutto regolare.  Ci sono ancora gli alberi, alcuni ormai non hanno più le foglie, ed è giusto cosi'. Quindi puoi svegliarti, e preparareil caffè.  Sarà ancora una giornata  da conquistare. Più avanti scoprirai altre cose, che la giornata ti regalerà..

Da Tita il 11/10/2014
Questa è la domanda che a volte mi affiora.  Cosa c'è in quel bosco, oltre agli alberi, il muschio, il silenzio, il profumo.

Semplice la risposta.  Perchè in questo misteo di bosco ci sono i funghi.  E ora che siamo a inizio ottobre, ho visto che il bosco piano piano si mette a riposo.  L'erba incomincia a ingiallire e a seccare, nonostante il sottobsoco sia ancora zuppo di acqua di tutta quest'estate. Giusto cosi', anche se dentro di me, ho ancora la speranza di vedere qualche meraviglioso dono della natura.  E cosi' aspettero',  e ancora cerchero', e intanto magari raccogliero' qualche ramo secco, e lo metterò insieme ad ' un altro, e un'altro ancora.  E poi camminero' ancora, e cerchero' di capire, parlero' a quel albero cosi' vecchio come il mondo, e ascoltero' la sua voce. Poi saro' cosi' stanco, che non saro' capace neppure di sognare, e forse allora saro' morto.

...
Da Tita il 10/10/2014
Ok, sono pronto, sono ritornato per controllare se avevo spento le luci.  Le luci  sono a posto, quindi posso ritornare a dormire.  Ogni tanto mi prende la paranoia, e quindi se mi viene per un ' istante un dubbio, o qualcosa di strano, devo per forza svegliarmi. Cosi' sono, e cosi' mi devo calmare, e non pensare neanche troppo, che tanto poi faccio sempre gli stessi errori.  Tranquillo, devo stare calmo, molto calmo, che mi sembra quasi di essere morto di calma. E cosi' adesso che potrei fare tante cose,  non riesco a mettere a fuoco  i miei sogni,  i miei desideri, che vanno a sbattere contro la realtà di tutti i giorni.  Ma questa è la vita, la mia vita, la vita che a volte non capisco, che a volte non amo, mentre a volte vorrei vivere una volta di piu'.  Poi mi sveglio, e mi accorgo che ho di nuovo sognato, sognato di essere in crisi, di non sapere fare niente, di essere lontano e vicino, e a volte pieno di problemi. Ma per fortuna anche stavolta sono salvo. ciao Val di Fassa.

...
Da Tita il 29/06/2014

Buona giornata a tutti.  Ci siamo già svegliati, anche se  il sole sta ancora dormendo dietro le montagne.  Mi sento bene, sono felice per questa nuova giornata, ricca di tante belle cose, che ci  riserva questa vita.  Mi piace sentire il silenzio del mattino, con tutte quelle sfumature  che ci regalano il profumo dei prati in fiore. E’ facile sentirsi bene, e sentirsi felici, quando ti accorgi che stai bene,  che puoi vedere e sentire le meraviglie di questa natura meravigliosa. Questa è la mia realta’,  una realtà che si chiama Val di Fassa,  e come diceva il mio caro zio Otto , vivere in Val di Fassa, è come stare in vacanza tutta la vita.  Soprattutto poi, quando puoi salire lungo i sentieri di un bosco, che ti accompagnano nel regno delle fate e dei gnomi.

A parte tutto questo, ora possiamo pure sognare una vita nuova, fatta di amore e di tenerezze.  Quindi se un giorno partiro’, e come al solito non so dove andro’, non ci sara’ niente di strano, se poi porterò con me il mio vecchio zaino, e il mio fedele  Willy.  (perche’ Willy?)  Willy è il nuovo nome del nostro caro amico Jaecky . .

Con noi porteremo insieme la nostra voglia di ridere, di camminare, e di scoprire cosa c’ è dietro ogni albero. .....

Da Tita il 09/12/2013

Abbiamo acceso le luci, perché ormai è buio, e poi cosa più importante, è che iniziata la nuova stagione.  Siamo tutti gasati,  già da qualche settimana ci stiamo preparando per questa nuova avventura, anche  se a  volte la notte sogniamo troppe cose, che non quadrano con  il cerchio.  Per fortuna poi arriva il mattino e si puo’ ricominciare la danza.   Ballare e pedalare, importante è crederci.   Alla prossima

Da Tita il 17/01/2013
Poi diciamo che mi capita spesso di sognare a occhi aperti,  immaginare dove potrei portare  a spasso il mio cuore in mezzo a valli sconosciute, a scoprire quali misteri si nascondono nelle pieghe di pendi che sembrano addormentati nel dolce sole del pomeriggio d’autunno.

 

E cosi’ mentre i miei occhi e il mio cuore si  ubriacano  nelle mille sfumature dei colori di questa splendida giornata   autunno,  dentro nel mio profondo sono pronto a saltare oltre,  e cercare di afferrare il momento magico, per incominciare un’avventura magica.   E questa è l’ occasione giusta, tanto non mi costa nulla,  sono pronto non mi manca niente, tutto è a portata di mano .  E’ vero, fuori  il tempo ha incominciato a farci capire cos’ è  l’inverno, ma è giusto cosi’, cosi’ sarà ancora più intenso e pieno di effetto, con l’aria che ti porta sul viso,  il profumo delle vita,  e tu eri ancora un piccolo bambino che a volte piangeva perché aveva paura del buio. Ma io ormai sono diventato grande, sono quasi un’ uomo,  e quel quasi dice tante cose.

...
Da Tita il 01/11/2012
20 maggio 2012-

 

 

L’inverno è finito anche da un  bel po’ se guardiamo fuori dalla finestra.  I prati sono  verdi,  stanno sbocciando i primi fiori, e quando c’è il sole  è il momento del color giallo.  Meraviglioso. Questo nostro mondo anno dopo anno ci regala il miracolo della vita . 

 

Ma io sento la nostalgia, non del passato remoto, non del passato di verdura anche sé è speciale, ma del passato appena passato.  Quando Pasqua era appena trascorsa, e la neve aveva ricominciato a imbiancare le nostre montagne con il colore candido della neve.  Che bello, che voglia di andare via, a cercare in mezzo alle montagne,  il gusto della felicità.   Quei momenti sono impagabili,  come stare insieme al tuo cane, e sentirsi sicuri,  perché lui sarà sempre con te.

 

C’era il  sole, il cielo blu elettrico, l’aria frizzante,  poi il tempo cambiava, e magari nevicava, e allora sentivi crescere dentro di  te, l’uomo primitivo, che doveva affrontare la forza della natura.

...
Da Tita il 05/03/2012
Gennaio è stato generoso, ci ha regalato le prime nevicate, poi dopo non essere stato ancora contento, ci dato dentro e ha soffiato come un matto per qualche giorno, poi ci sono state delle belle giornate di sole, con un cielo fantastico, con temperature quasi quasi invernali, ma non troppo, e poi verso fine gennaio si è ricordato che puo’ fare di meglio. In ogni caso è stato un bel mese, che ha fatto il suo dovere.

Inizio febbraio a tutto gas, con clima gelido tipico invernale, vediamo fino a quando. Un po’ di neve, quel tanto da rinfrescare l’ambiente. Oggi 6 febbraio 2012 temperature decisamente gelide.
Tempo alquanto bello, buona visibilità, senza vento. Con tramonto romantico.

7 febbraio 2012 nevicato tutto il giorno con entusiasmo e tanta buona volonta, con dei bel fiocchi bianchi che hanno rinnovato il paesaggio 2012.

Oggi 8 febbraio 2012 giornata splendida con bel sole, e ottima visibilità, superba per sciare con tanto piacere.

Temperature da brivido, ma diciamo che d’inverno ci possono stare , qualche traccia di neve, poi ancora freddo e vento da tremare.

Dal 16 febbraio temperature in aumento sia nei minimi che nei massimo, quasi troppo caldo, colpa di un brutto vento. Ma va ben ugualmente.

19 febbraio ritorno del maltempo, cielo grigio ma non freddo, poi verso sera incominciato a nevicare, vediamo domani. Per ora è cosi’, poca roba, ma possiamo goderci questo ritorno al bianco, tutto bello, peccato che dura poco.

24 febbraio. Le temperature sono salite, e questo non và bene, la neve si sta squagliando, anche di notte stenta a scendere sotto lo zero. Capita anche questo, ci sono stati ancora inverni che il freddo faceva il lavativo, ma proprio in tale maniera sfacciata è difficile ricordarselo.

Ho potuto dare l’addio alle nostre piste free ride prima della fine di febbraio, mi spiace un pochino tanto, ma bon bon, bisogna andare avanti.
.
Ho pure dovuto adeguare il mio abbigliamento, e mi trovo veramente spaesato, quando esco, dovrei mettere la mimetica e stivali anti fango. Mi fa veramente stare male, questo paciugo.

Siamo ai primi di marzo e il caldo la fa da padrone, speriamo che dopo questa domenica 4 marzo, si ritorni a un tempo più normale, staremo a vedere. La speranza è sempre in una bella nevicata che ci regali ancora un po’ d’inverno. Chi vivrà vedra’.. per ora ciao .

5 marzo 2012 neanche a farlo apposta, ecco che nel pomeriggio ha iniziato a nevicare, che bello, sono contento come un bambino .
Da Tita il 08/02/2012

Perché non provare a sognare, perché non rischiare, perché rinunciare . Non è difficile, basta uscire dalle solite cose, e lasciare andare la mente oltre la collina, e scoprire altri pendi, altri alberi, altre vie, senza seguirne alcuna, perché vie giuste non ce ne sono.

Prendi con te chi ami, e poi via dove ancora non si sa’, si scoprirà piano piano, senza fretta.

Andrai dove ti porterà la tua voglia di faticare e di sudare, quando sarai stanco, ti fermerai, e ascolterai il tuo respiro, ti guarderai intorno, e vedrai cose che prima di allora non avevi ancora visto. Capirai che prima d’ora, correvi troppo veloce, e che non potevi mai fermarti, perché qualcuno o qualcosa ti stava aspettando. E ora sei qui’ ad un soffio dal mare, o dove puoi toccare con un dito il cielo, puoi stare tranquillo, puoi pensare, oppure lasciare la terra per un po’, e scorazzare libero per il cielo fra nuvole e neve. Dopo che ti sarai guardato intorno per un’ ultima volta, e avrai fissato nel tuo cuore l’immagine della felicita’, puoi andare dove vuoi, se andare avanti, dove non si sa, oppure purtroppo ritornare nella civiltà… (per modo di dire)

Ma sai che quando vorrai, potrai ritornare a respirare la libertà, a ubriacarti con il canto del bosco, a sentire il tuo cuore, a vedere le meraviglie della natura , con o senza gli sci .

Scusate per gli errori di ortografia, di grammatica, e di sintassi, e per tutto quello che non và. Mi piace scrivere, ma come per cantare sono stonato al massimo. Buona fortuna a tutti e buone camminate .

http://youtu.be/7soRQSedrgs 

 

Da Tita il 07/02/2012
A modesto parere mio, i turisti sono gli eroi del nostro tempo . Perché per andare in vacanza ci sono dei bei ostacoli da superare. Alcuni potrebbero essere questi. (sicuramente ce ne saranno altri, che al momento non riesco a metterli a fuoco.
a) avere i soldini per la vacanza – (b) avere voglia di andare in vacanza (c) avere il tempo per andare in vacanza (d) decidere dove andare a vacanza , se dal tita o se da Michela (e) portare anche il nostro amico peloso ? (f) fare le valigie, lasciare in ordine la casa , cercare di non dimenticare nulla, o quasi . (g) Una volta saliti in macchina, è già un bel passo avanti . sperando sempre che non piova e che non nevichi (h) Quando poi si arriva, si spera di trovare una buona sistemazione, e qualcosa da bere (i) Il problema è cosa fare quando sei in vacanza, dove andare a prendere un buon caffè, e dove lasciare parcheggiata l’automobile (j) Se poi si fa le vacanze d’inverno, allora si che bisogna fare i duracci, sveglia al mattino alle 6,30, lavarsi, spazzolarsi, fare una colazione sportiva, con succhi cereali , jogurt, frittata, speck.. . Poi rivestirsi con una tuta adeguata alla circostanza, scendere nello SKI RAUM e rifinire la preparazione. Sci in spalla e fuori pronti a tutto, , che coraggio, mamma mia. (k) Mica è finita qui’, c’è tutta la giornata da trascorrere da una seggiova ad una funiva, a un rifugio ad una malga, ad un baracchino delle WURSTEL . Poi se si ha ancora forza, c’è da superare APRES SKI e li si vede chi ha il fisico. Al limite, ci si puo’ sempre buttarsi in un WELLNESS e aspettare la cena. Dopo al cena, fate pure quello che volete, siete liberi, se siete soli, senza moglie, e senza cane.l) Altri pericoli si potrebbero nascondere sotto il letto, o dentro l’armadio, ma con un po’ di fortuna e un buon sonno si potranno evitarli. (m) A questo punto una medaglia di latta o di cartone non ve la puo’ negare nessuno. (n) Noi addetti non possiamo fare altro, che chinarci, di fronte a tanta abnegazione, augurandoci di rivederVi ancora tante, e tante volte, con la neve, il sole, le foglie verdi e i prati in fiore, senza dimenticare la pioggia. A noi non resta che ringraziare mille volte .
Da Tita il 21/01/2012
11 gennaio 2012 giornata splendida, partiti al primo pomeriggio, dopo un tira e molla con i bastoncini dimenticati, poi a parte questo intoppo, il resto era ok. Quindi mano sulla tastiera, e vai, non so se è più difficile salire con gli sci sui pendi ripidi di Vallacin, o cercare di esprimere a parole quello che si prova, a essere li’, solo tu, il tuo cane, e la bellezza naturale della natura che ti circonda e abbraccia. Penso sia una cosa troppo difficile, perché sicuramente è un’emozione soggettiva, che cambia di persona in persona, poi ci possono essere diverse motivazioni, di chi riesce a prendere gli sci e cercare qualcosa in quei postiA ogni modo, quando salgo con gli sci, ho bisogno di tutto il mio fiato, quindi resto muto come un pesce, e mi concentro su cio’ che i miei occhi possono vedere, e cio’ che possono udire le mie orecchie. Gli occhi possono volare dentro al bosco, vedere le cortecce di vecchi alberi, che hanno visto passare i più gelidi inverni. Venti che facevano tremare le...
Da Tita il 11/01/2012
KGB dicembre 2011-

Inizio dicembre e l’inverno sembra ancora lontano e quasi un miraggio, e quindi è ancora possibile sognare e camminare sui prati selvatici, con l’erba ormai secca che aspetta anche lei una coperta di neve per dormire meglio. Quindi con lo zaino che diventa come una seconda pelle, con dentro quel poco che serve, quasi sempre manca qualcosa, ma possiamo farcela. Quindi l’idea non era ancora nata, e la meta non l’avevo messa a fuoco, ma intanto salivamo lungo il torrente di vael, che porta in alto sotto il Vael, posto fantastico dove non finisci mai di pensare a quanto è bella la vita, lassù dove puoi toccare il cielo, e le stelle ti possono parlare. Quindi vai, andiamo, piano, con dentro la voglia di seguire qualcosa, e lassù qualcuno ci stà aspettando. Stiamo rifacendo un sentiero che di solito era innevato, e lo facevo con gli sci ai piedi, e ora che sono a piedi, che posso toccare la terra, e vedere ogni pietra, riconoscere ogni buca del sentiero, mi sembra una cosa nuova.
La giornata era di un colore meraviglioso, il sole ci accompagnava, e ci indicava l’isola che non c’è. Quindi arrivati in vetta all’arrivo del vecchio skilift Vallacin, mi sentivo abbastanza in forma, anche se i pensieri ritornavano sempre a quando ero sigh un ragazzino che piangeva per il freddo, e che non si stancava mai di scendere e salire per quella pista, che mi sembrava la più bella del mondo. Bellissimo. Niente era ancora deciso, ma più salivamo, più ci rendevamo conto, che la meta si avvicinava, niente di meno che la BAITA RIVA DEL JAGER - non è un titolo di un film western. Questa mitica BAITA, è stata costruita su un piccolo terrapieno, e si affaccia quasi a strapiombo verso l’altra metà del cielo. Avanti piano, ma avanti, saliamo con calma, anche se ormai è pomeriggio, ma più in fretta non si puo’, tante cose sono belle da vedere, alberi più vecchi di me, si ergono maestosi, e raccontano la loro storia fatta di sole, di pioggia, di vento, di neve, sopportato fulmini e grandine, e percio’ sono diventati saggi consiglieri per gli abitanti del bosco.
Il pomeriggio è di una dolcezza infinita, e sembra non finire mai, e quando ormai attraversato un vecchi sentiero in disuso, in mezzo a delle vecchie frane, sappiamo di essere ormai a portata di piede dalla Baita. In lontananza abbiamo visto dei caprioli al pascolo, proprio sopra alla Baita, dove c’è un enorme vallone. Siamo risaliti lungo un piccolo ma tosto pendio che ci partato appena sopra la ns meta, e appena arrivati in vetta, abbiamo dovuto riscendere un poco. Questo ci ha permesso di raggiungere la ns Baita quasi in relax. Fantanstico., l’avevamo davanti ai ns occhi, con il sole che ancora scaldava la sua parete di legno. Tutto era perfetto, i ripidi pascoli, sotto la Baita, la collina che saliva dolce al Vael. Seduto su una panca di legno, stavo beato a godermi lo spettacolo, le montagne del latemar, il Gruppo delle Pale, il Vallaccia, il Cattinaccio, ero circondato dalle meraviglie del monto. Non saremo più voluti scendere, il sole stava scendendo dolcemente dietro alle montagne del Latemar, non potevo non pensare a qualcosa di romantico e ringraziare questi meravigliosi momenti.
Da Tita il 09/01/2012
Era da po’ che mi galleggiava in testa, l’idea di scrivere qualcosa che potesse essere utile a chi ama e piace andare in montagna. Certo non è facile, perché va be’ un po’ di esperienza ce l’ho, pero’ poi molte volte devo ammettere che tutte le cose che scriverò restano sulla carta, ma pazienza, per questo mi sforzo a scriverle, perché cosi ‘ forse mi restano più in testa.

Un bel zaino, con tante belle tasche, da metterci dentro qualche indumento, poi qualcosa per la fame, 1-2 arance , se vogliamo esagerare un po’ di cioccolata. Se poi il sentiero non Vi porta a un rifugio, una thermos con una buona bevanda, non sarebbe poi male. Una buona giacca a vento un buon berretto, e dei guanti queste cose sono indispensabili, a meno che siete dei Superman

Che dire poi del telefonino, si puo’ sempre tenerlo spento .

Queste sono solo alcune cose che dovrebbero servire per il benessere fisico, per lo spirito e l’anima, è piu’ semplice. Sui ns sentieri, non manca mai un crocifisso, oppure un capitello , dove poter fermarsi e poter recitare una preghiera, per chi vuoi, per chi ci ama, e per chi non ci capisce.

Invece la macchina fotografica, penso che non si puo’ lasciarla a casa, un posticino nel ns fantastico zaino, lo troveremo. Perché prima o poi troveremo qualcosa che ci colpisce al cuore, e allora lo metteremo a fuoco, per tenerlo per un po’ di piu’ insieme a noi. La traccia poi che ci ha preceduto, ci aiuta, resterei su quella traccia, per lasciare cosi’ com’e tutto intorno, per non rovinare niente di questo spettacolo meraviglioso che è la natura. Poi chissa’, possiamo immaginare chi ci ha preceduto, e magari chissà se lo conosciamo, penso di si, anche se magari non incroceremo mai il suo sguardo.

Quando poi arriveremo alla meta, dopo aver sudato e riflettuto e osservato ogni scorcio del sentiero, possiamo pure rilassarci e guardare con calma, e asciugarci il sudore, e essere contenti e soddisfatti fino dove il ns cuore e volonta ci hanno permesso di arrivare.
Da Tita il 22/12/2011
16 DICEMBRE 2011  dopo un’autunno che sembrava  una quasi estate,  è arrivato il primo freddo e ha portato anche la sospirata e benedetta neve.   

 

Come al solito è una magia, come tornare ad essere bambini, entusiasmarsi per i candidi fiocchi che volano intorno a te,  e tutto è calmo,  sei solo con i tuoi pensieri che diventano musica.

Posso pensare anche a te, che sei adesso lontana,  ma vicina nel cuore, un salutone,  prima o poi andremo a sciare ancora insieme, perchè lo so che ti piace la neve, e andare in montagna. Ciao Francy,  fra un po' metteremo un'altra Gallery con delle foto, e ci sarai pure tu. ciao.

 

Quindi abbiamo potuto prepararci inn anticipo  l’attrezzatura, come al solito mancavano i guanti, serviva degli indumenti tecnici, e il resto più o meno c'era,  perchè era già da un po' che stavo pensando alla prima uscita.

 Giacca, berretto tecnico e sci vecchi, scarponi collaudati  ma comodissimi e caldi. Quasi pronti, trovati 2 bastoncini di fortuna , siamo...
Da Tita il 18/12/2011

Cane sei il benvenuto!!!!!!!

 

 

 

Un uomo scrisse ad un albergo di campagna in Irlanda per chiedere se avrebbe accettato il suo cane.
Dopo breve tempo ricevette la seguente risposta:

"Caro signore, lavoro negli alberghi da più di 30 anni. Fino ad oggi non ho mai dovuto chiamare la polizia per un cane ubriaco nel cuore della notte…..
Nessun cane ha mai tentato di rifilarmi un assegno a vuoto….
Mai un cane  ha lasciato l’albergo senza pagare….

Mai un cane ha bruciato le coperte fumando…..
Non ho mai trovato un asciugamano dell'albergo nella valigia di un cane .

IL SUO CANE E' IL BENVENUTO.
SE LUI GARANTISCE, PUO' VENIRE ANCHE LEI....
 
Da Tita il 08/12/2011
OGGI 29 MAGGIO 2011

 

Riprendendo una frase ormai già detta,  ossia (siamo ancora qui’) e poi anche (he già..)  devo dire che era un po’ di tempo che non ritornavo alla mia vecchia ma sempre valida ideaa del KGB  versione  Sudtirol

 

Pero’ è bello poter ancora sognare, ma questo  Sudtirol  è sicuramente ancora in qualche cuore di chi ama queste montagne, questa terra baciata da DIO. 

 

Possiamo solo ringraziare e pensare che siamo fortunati poter vivere in questa terra, dove le montagne baciano il cielo, e i prati sono colorati di mille colori e profumi, poi i boschi ricchi di frutti, e i ruscelli che gorgheggiano insieme a tutta la natura.

 

Posso solo confermare che è tutto vero.

 

Quindi ritornando a noi,  siamo riusciti a incamminarci per questi sentieri che salgono fino al cielo, e poi la fantasia riesce a fare miracoli, a dirmi che potrei pure salire lassu’ in cima a un canalone ancora innevato che mi stà sempre davanti agli occhi..

...
Da Tita il 08/12/2011
9 settembre 2011 giornata solare . cielo di un’azzuro azzurro splendido.Idee nella nebbia.. ci stiamo lavorando, per ora vediamo di andare avanti .Magari una gita sui monti la settimana prossima potremo metterla in saccoccia… Cima dodici è sempre lì che ci stà aspettando.. anche se devo anche pensare che abbiamo Jaecky con noi e certi non sanno da fare.23 anni con Paola, ufficialmente, prima di questi 23 , altri 2 che valgono un tesoro, dove ogni tanto vado a riprendere la voglia di amare e cercare di capire cos’è l’amore che irrompe nel cuore con l’entusiasmo di un bambno, che ci fa piangere, che ci fa innamorare di quei capelli mossi dal vento.E cosi in queste notti, (faccio il lupo mannaro e ululo contro la luna) , tante stelle brillano, le foglie sono ormai cadute, e si sbriciolano sotto le zampe, e cosi’ posso provare a cantare e fischiare, nessuno mi sente, e nessuno mi vede. Sono solo con un cane, e questo mi consola, perché altrimenti potrei essere anche un fantasma o un lupo mannaro che si è perso a Vigo.Cosi’...
Da Tita il 18/09/2011
E' ancora estate,  niente di strano quindi che ci sia il sole, e che il sole ci scaldi la testa e il cuore.  


Ritornando a noi, Vi informiamo che siamo ancora aperti,  e saremo disponibili fino al 02 novembre 2011..  se avete ancora voglia di vederci, e se siete curiosi a vedere il cielo di ottobre, e come è vestito il bosco, Vi stiamo aspettando.  


Fra un po' di tempo, metteremo a posto il sito, e potrete avere dello spazio per inviarci i Vs  pensieri e magari i Vs  commenti, e sopratutto le Vs idee,  poi mescoleremo il tutto e  vedremo il risultato.   

Un gran casino come sempre..  a presto

Da Tita il 03/09/2011
Buongiorno a tutti, incominciamo a scrivere le ns prossime novità che troverete al ns hotel.



Abbiamo messo a dimora altre 100 piantine di insalata trentina, penso saranno pronte verso la prima metà di ottobre 2011..  le cipolle ormai le abbiamo raccolte e ci stiamo asciugando le lacrime..



Poi certo abbiamo ultimato la tettoia per la legna, e per il pulmino, poi cè la nuova costruzione  Due cuori una capanna per le Vs serate romantiche.  

Dentro alla baita c'è una tavola e 2 panchine,  poi cosa non da poco c'è una piccola lanterna  che fà un po' di luce e atmosfera.  Appena possiamo metteremo una foto. 



Un'altro lavoro, fatto dai ns bravi pittori, hanno dipinto le camere del primo e del terzo piano... con un bel colore caldo e avvolgente  per rilassarvi e stare bene.  

Certo che pensiamo sempre  cosa si potrebbe fare e cosa sarebbe gradito ai ns cari ospiti del ns Hotel.. 

Se avete qualche idea ce lo potreste sempre far sapere, e poi vedremoss.

Da Tita il 30/11/2010
Ok , proviamo a sporcare questo foglio, anche se con dei graffi, che magari faranno male, ma che vorrebbero farmi capire  cosa è stato il 2010.  

Un’anno speciale,  con dentro tante belle idee,  poche quelle realizzate,  e altre ancora che girano per la testa,  che a volte mi sembrano  un elicottero …  Si le idee  sono pure importanti,  perché vuol dire che puoi ancora pensare,  e anche sognare, avere dei desideri, e poi pure sperare che un giorno si possa intraprendere  quell’idea. 

Certo l’idea è una cosa,  la puoi immaginare,  forse vedere a occhi chiusi, la puoi anche tenere nel tuo cuore, ma poi, non sai come,  appena ti distrai, ti sfugge di mano, ma resta nel tuo cuore.

Poi certo, manca quel qualcosa che ci vorrebbe per incominciare a costruire il sogno, magari con qualche pezzo di legno e qualche chiodo. 

A parte questo,  ho capito che non si puo avere tutto, e che bisogna saper accettare anche i dispiaceri, ma non per questo dimenticare...
Da Tita il 17/04/2008
Sembra quasi che lo faccia apposta,  ma ho bisogno di sentire il profumo della primavera, il vento che spazza veloce il cielo, le nuvole che nascondono il sole, e a volte pure le montagne, e quando riesco ad avere la voglia di mettere qualcosa di nero sul bianco, sento che sono di nuovo vivo, e se anche soffro al pensiero di svegliarmi, e dover incominciare a capire che devo per forza vivere.

(un po’ esagerato,  ma qualche volta è veramente cosi’)

L’ultima volta che ho scritto qualcosa,  era la scorsa primavera,  e mamma mia mi fa paura pensare a quante cose possono succedere nella vita di ognuno.  Oggi è così, e domani vedremo.  Certo si potrebbero fare dei progetti, magari pure uno solo,  che sicuramente è quello più difficile. ???????

Cosi in teoria come in prateria, la natura è la madre di tutti,  mentre il padre non si sa cosa faccia, e questo pensiero ci porta oltre il fumo della ns vita che ci passa accanto e non sempre riusciamo a prenderla per mano, per vivere più vivi.

...
Da Tita il 23/03/2006
Mi viene il mal di pancia se devo andare indietro fino all’ultimo resoconto risalente nella preistoria più recente… In ogni caso rifacciamoci quattro passi all’indietro e ritorniamo alla fine dell’estate 2004, Vorrebbe dire ricordarsi l’inverno 2004-5 e poi tutta l’estate del 2005 e i miei 45 anni… non è possibile. Si potrebbe anche far presto, ossia l’inverno del 2004-5 è stato inverno nella sua più fredda e cruda realtà.. Meraviglioso, con il freddo che ti teneva sempre sveglio, e ti faceva capire come la montagna sia una realtà molto complessa e inavvicinabile , a volte lontana pure dalla tua fantasia. Mi piace da matti, quando posso andare a camminare sulla neve, e sentire i piedi che appoggiano sulla neve, che ammorbidisce i passi e respiri l’aria pulita e fresca. I clienti poi sono dei leoni, affrontano la giornata da veri duri dello sci, e non hanno paura di niente.. Abbiamo avuta una bella stagione ricca di soddisfazioni, con tanti clienti che settimana in settimana si susseguivano,...
Da Tita il 03/10/2004
A prima vista si potrebbe dire che è trascorso un po’ di tempo, e che il sole, pioggia, freddo, neve, tramonti , sogni e incubi, nel frattempo si sono susseguiti, senza perdere mai il ritmo e fascino Dove sono stato, e cosa abbiamo combinato nel frattempo? Alla prima non è difficile rispondere, ossia sono rimasto nella ns. meravigliosa www.fassa.com (ORMAI) più o meno. mentre alla seconda domanda. mi vengono dei vuoti di memoria…lasceremo dei buchi in giro. Ci siamo lasciati alla vigilia dell’estate 2004… che a ben ricordare è stata pure una bella estate con tante piccole cose della ns. vita. Sicuramente il tempo meteo non fu come quello del 2003, che mise a dura prova il ns. ghiacciaio MARMOLADA, ma fu certamente positivo con delle belle giornate e belle serate romantiche trascorse al canto delle cicale… Poi ci fu l’esordio di Pollam Francesca, in sala da pranzo assieme a sua zia Antonella e zio Francesco e Patrizia e ce ne furono di belle… Poi di colpo l’estate, i turisti presero gli...
Da Tita il 05/06/2004

E’ un bel giorno, mi sento particolarmente bene, splende il sole, e si odora il profumo della natura che risplende nella Sua magnificenza.

Manca poco alla riapertura di una nuova stagione estiva, che si prospetta ricca di soddisfazioni ed emozioni…. In questi giorni di giugno, si può veramente scoprire una Val di Fassa meravigliosa, con i prati adornati con i fiori più belli, e soprattutto alla sera si può ascoltare il silenzio magico..del bosco…

Da Tita il 14/04/2004
Inutile fingere. È trascorso esattamente 1 anno da quando ho messo nero su bianco le ultime notizie dalla Val di Fassa… bisogna anche dire che non è successo praticamnete nulla di straordinario a parte qualcosa…… Che cosa? La grande Festa dell’ascensione è stata sicuramente l’avvenimento più rilevante dell’intero anno del 2003, anche perché era direttamente coinvolto il fratello POLLAM FRANCESCO in qualità di coordinatore e ideatore della bella iniziativa, nella ricorrenza della festività solenne del CORPUS DOMINI. UN GRAZIE PARTICOLARE SICURAMENTE ALL’INTERA COMUNITA’ DI BOGLIASCO e in special modo della CONFRATERNITA DI S. CHIARA di BOGLIASCO e di SESSAREGO. Insieme alla comunità poi della VAL DI FASSA rappresentata magnificamente dalle varie associazioni dei vari CORPI DEL VOLONTARIATO.. ….. E poi fu subito la lunga estate caldissima, con i colori più belli, con il cielo dipinto di blu, di azzuro, di rosa,… E’ stata sicuramernte un ‘ estate ricca di soddisfazioni per il ns. cuoco coltivatopre...
Da Tita il 06/05/2003

Da quando abbiamo chiuso il giorno 27 aprile, che il tempo ci stà regalando delle bellissime giornate di sole splendido.
Noi resteremo chiusi fino al 14 giugno '03 ma siamo sempre in movimento...Se non resistete al profumo della primavera, la Val di Fassa, Vi aspetta.....

Per la domenica del 22 giugno ci sarà una grande processione del CORPUS DOMINI in cui saranno coinvolti oltre alla gente locale, una folte rappresentanza della COMUNITA' DI BOGLIASCO E DINTORNI. VI ASPETTIAMO.

Da Tita il 03/04/2003

da ieri stà nevicando. è tutto bianco come a NATALE.
In questo momento siamo chiusi. Riapriremo il giorno 11 aprile '03 fino la domenica 27 aprile '03 per salutare l'ultima neve.

Ringraziamo i ns. carissimi clienti per l'affetto che ci dimostrate continuamente...

Re: Prima Neve ma non ultima neve del 2013
Ancora non riesco a crederci, ma c' è stata sicuramente una grande emozione, e una gioia talmente immensa, da poter contagiare tutto il mondo
Re: Piccole cose di ogni giorno.
Ogni tanto mi capita di rileggere queste piccole cose di ogni giorno, mi fermo e sorrido, perchè penso che ho ancora il cuore e la testa di un bambino che ancora deve crescere e imparare tante cose. Speriamo di averne il tempo.

    

Hotel Latemar - Strada de Coltura, 2 - 38039 Vigo di Fassa (TN)
Tel. +39 0462 764162 - Cel. +39 338 5921454 - Fax +39 0462 764187 - Email: info@hotellatemar.com
P.IVA 00624150223 - Copyright © 2014. - Login